Tag Archive | "carburanti"

Tags: , , , ,

CARBURANTI – COLDIRETTI: ALLARME AUMENTI DOPO IL RECORD DEL 2012 (+14,2%)

Posted on 23 gennaio 2013 by redazione

carburanti«I prezzi dei prodotti energetici non regolamentati come la benzina e il gasolio sono quelli che hanno fatto segnare il maggior aumento nel 2012 con un incremento record del 14,2 per cento». È quanto emerge da una analisi della Coldiretti sulla base dei dati Istat relativi al 2012, in occasione dei nuovi rincari, con punte di 1,834 euro al litro per la «verde» e di 1,764 per il diesel. «L’aumento del costo dei carburanti -sottolinea la Coldiretti- rappresenta un forte ostacolo alla ripresa economica in un Paese come l’Italia dove l’86 per cento delle merci viaggia su strada. Il caro benzina mette a rischio la competitività delle imprese ma anche i bilanci dei cittadini poichè -spiega la Coldiretti- per effetto dei continui incrementi nel 2012 un litro di benzina ha superato del 40 per cento il chilo di pasta e del 50 per cento il un litro di latte». «Un rapporto di cambio che -conclude la Coldiretti- non è eticamente ed economicamente sostenibile. L’aumento dei prezzi dei carburanti ha contribuito a ridurre la disponibilità per sei italiani su dieci (61%) che hanno dovuto tagliare il carrello della spesa per effetto del crollo del potere d’acquisto, mentre un 6% non riesce ad arrivare a fine mese, secondo un’analisi Coldiretti/Swg».

Commenti disabilitati su CARBURANTI – COLDIRETTI: ALLARME AUMENTI DOPO IL RECORD DEL 2012 (+14,2%)

Tags: , , , ,

CARBURANTI – SOSTANZIALE STABILITÀ DEI PREZZI SULLA RETE, MA SALGONO NO-LOGO

Posted on 22 gennaio 2013 by redazione

distributori-no-logo1Quotazioni internazionali ancora in aumento. Prezzi raccomandati sulla rete carburanti nazionale che, tuttavia, mantengono una sostanziale stabilità con l’eccezione di aggiustamenti locali. Prezzi praticati sul territorio che, a loro volta, quanto alle petrolifere si muovono di poco. Salgono invece (specie sulla benzina) le no-logo che, come di consueto, «sentono» e traducono per tempo i trend del mercato. Le «punte» intanto sono tutte in leggero aumento: per la benzina a 1,891 euro/litro, il diesel a 1,795 il gpl a 0,920. Le medie nazionali si posizionano, con piccoli ritocchi, a 1,832 euro/litro per la «verde» e 1,763 per il diesel, 0,869 per il gpl. Più nel dettaglio, a livello Paese, secondo quanto risulta in un campione di stazioni di servizio che rappresenta la situazione nazionale per il Servizio Check-Up Prezzi QE, il prezzo medio praticato della benzina (sempre in modalità «servito») va oggi dall’1,818 euro/litro di Eni all’1,832 di Shell e Q8 (no-logo come accennato in aumento a 1,735). Per il diesel si passa dall’1,749 euro/litro sempre di Eni all’1,763 di Q8 e Shell (no-logo a 1,641). Il gpl infine è tra 0,857 euro/litro di Esso e 0,869 di IP (no-logo a 0,816).

Commenti disabilitati su CARBURANTI – SOSTANZIALE STABILITÀ DEI PREZZI SULLA RETE, MA SALGONO NO-LOGO

Tags: , , , ,

FISCO – CONSUMATORI: DALL’AUMENTO IVA, PER I CARBURANTI AGGRAVI DI 41 EURO

Posted on 11 ottobre 2012 by redazione

Secondo le associazione dei consumatori «complessivamente, l’aumento dell’Iva sui carburanti avrà ripercussioni pari a: +24 euro annui per costi diretti (vale a dire per i pieni di carburante di ogni automobilista); +17 euro annui per costi indiretti (cioè per le ricadute su prezzi e tariffe). Per un totale di +41 euro annui». «Un’ulteriore batosta per i cittadini, che aiuta a comprendere l’estrema necessità di un passo indietro del Governo sull’aumento dell’Iva -commentano i presidenti di Federconsumatori e Adusbef, Rosario Trefiletti ed Elio Lannutti-.Oltre a ciò, per calmierare i costi dei carburanti, che oggi segnano nuovi intollerabili rialzi, è fondamentale decidersi ad intervenire riducendo le accise di almeno 6 centesimi, mettendo immediatamente in atto il meccanismo dell’accisa mobile ed avviando una seria riorganizzazione e modernizzazione dell’intera filiera».

Commenti disabilitati su FISCO – CONSUMATORI: DALL’AUMENTO IVA, PER I CARBURANTI AGGRAVI DI 41 EURO

Tags: , , , , ,

CARBURANTI – POCHE NOVITÀ SUI PREZZI, OCCHIO AL WEEK END

Posted on 07 giugno 2012 by redazione

a href=”http://www.italialive.org/wp-content/uploads/2012/06/prezzi-benzina-17.jpg”>Nuova fumata nera per la pubblicazione in Gazzetta del Dl con il caroaccise, come del resto era apparso assai probabile già dal primo pomeriggio di ieri, e rete carburanti che registra di conseguenza solo qualche assestamento al ribasso. Sarà ormai quasi sicuramente il week-end ad offrire una nuova ‘fotografià della situazione in base al riassorbimento o meno dell’incremento fiscale in relazione al quale, tuttavia, restano confermati ampi margini di intervento a favore dei consumatori nonostante il rimbalzo messo a segno dalle quotazioni internazionali. Sui prezzi raccomandati dunque Tamoil è scesa di 0,5 cent euro/litro su benzina e diesel mentre IP ha ribassato della stessa entità solo il diesel. Prezzi praticati sul territorio timidamente in discesa per entrambi i prodotti. In diminuzione più marcata il Gpl dopo il taglio di 3 cent deciso ieri dall’Eni. No-logo ancora in calo. Le medie nazionali sono così a 1,830 euro/litro per la benzina, 1,716 per il diesel e 0,823 per il Gpl. Punte massime a 1,905 per la ‘verdè, 1,752 per il diesel e 0,856 per il Gpl.Questo quanto emerge dal monitoraggio di quotidianoenergia.it in un campione di stazioni di servizio che rappresenta la situazione nazionale per Check-Up Prezzi QE. Più nel dettaglio, a livello Paese il prezzo medio praticato della benzina (in modalità servito) va dall’1,817 euro/litro di Esso all’1,830 di Q8 (no-logo giù fino a 1,715). Per il diesel si passa dall’1,712 euro/litro di Eni ed Esso all’1,716 ancora di Q8 e Tamoil (no-logo in discesa a 1,583). Il Gpl infine è tra 0,790 euro/litro di Eni e 0,823 di Shell (no-logo a 0,781)

Commenti disabilitati su CARBURANTI – POCHE NOVITÀ SUI PREZZI, OCCHIO AL WEEK END

Tags: , , , , , , , , , , , , ,

INFLAZIONE: RIALZO PREZZI BIGLIETTI AEREI, TRAGHETTI, TRENI È CARO-VACANZA, IN AUMENTO ANCHE CAMPEGGI E STABILIMENTI

Posted on 14 luglio 2011 by redazione

aumento prezziA giugno si impennano i prezzi dei biglietti per aerei, traghetti e treni. L’Istat, infatti, registra aumenti congiunturali «consistenti» per i prezzi del trasporto aereo passeggeri (+6,9%), che crescono su base annua del 13,8%. Un aumento più marcato si rileva per i prezzi del trasporto marittimo e per vie di acque interne (+10,8%), che segnano una crescita rispetto a giugno 2010 del 52,8% (+62,3% a maggio). Anche i prezzi del trasporto ferroviario passeggeri risultano in aumento rispetto a maggio (+2,0%) e salgono dell’8,4% su base annua. Si segnala, inoltre, il rialzo mensile (+0,3%) dei prezzi delle assicurazioni sui mezzi di trasporto, cresciuti su base tendenziale del 5,3%. Insomma, con il via alle partenze per le vacanze estive scattano i rincari tradizionali della stagione. In particolare, l’Istat segnala l’aumento dello 0,9% su base mensile dei prezzi dei servizi di alloggio (+3,9% su base annua), l’incremento congiunturale dei prezzi dei campeggi (+14,4%) e delle pensioni e simili (+2,0%). Infine, nell’ambito dei ricreativi, si rileva il rialzo su base mensile dei prezzi degli stabilimenti balneari (+3,5%), che crescono del 4,3% su base annua.

Commenti disabilitati su INFLAZIONE: RIALZO PREZZI BIGLIETTI AEREI, TRAGHETTI, TRENI È CARO-VACANZA, IN AUMENTO ANCHE CAMPEGGI E STABILIMENTI

Tags: , , , , , ,

CARBURANTI: FIGISC, DOPO STANGATA ACCISE IN VISTA +1,5 CENT AL LITRO

Posted on 01 luglio 2011 by redazione

In vista un nuovo aumento dei prezzi dei carburanti. «Mentre le quotazioni del greggio Brent sono attestate sui 112 dollari/barile, le chiusure del Platt’s di giovedì 30 giugno hanno marcato un incremento di circa 0,7 eurocent/litro per la benzina (gasolio quasi stabile), Iva compresa. Per i prossimi giorni ci si può attendere un incremento medio dei prezzi nell’ordine di 1,5 eurocent». Ad affermarlo è il presidente della Figisc Confcommercio, Luca Squeri, nell’osservatorio. «È stata la settimana della stangata fiscale sui carburanti: l’aumento delle accise e dell’Iva gravante sulle accise vale, infatti, ben 4,8 eurocent/litro, un aumento che ha fatto sentire il suo effetto un giorno dopo la sua entrata in vigore. Il mercato internazionale, invece, -sottolinea Squeri- non ha avuto grandi movimentazioni rispetto alle chiusure della settimana precedente: la quotazione del greggio Brent spot è ancora diminuita (-1,17 euro/barile, -0,009 euro/litro), in presenza di una sostanziale stabilità del cambio euro/dollaro, mentre vi sono stati limitati e disomogenei movimenti del prezzo dei prodotti ‘finitì Platt’s: per la benzina in misura pari a +0,002 euro/litro, per il gasolio pari a -0,004 euro/litro». I prezzi medi Italia, rileva, «sono aumentati da venerdì 24 giugno di +0,039 euro/litro per la benzina e di +0,033 euro /litro per il gasolio. Per la benzina, per effetto della manovra fiscale e del prezzo internazionale Platt’s, l’aumento avrebbe potuto essere di 5,0 centesimi di euro invece dei 3,9 di effettivo aumento, per il gasolio, invece, di 4,4 centesimi di euro invece dei 3,3 di effettivo aumento».

Commenti disabilitati su CARBURANTI: FIGISC, DOPO STANGATA ACCISE IN VISTA +1,5 CENT AL LITRO

Advertise Here
Advertise Here

RELATED SITES

antivirus gratis