Tag Archive | "arresti"

Tags: , , , , , , , ,

SIRIA: PROTESTA ARRIVA NEL CENTRO DI DAMASCO, 20 ARRESTI

Posted on 06 luglio 2011 by redazione

Le proteste per la fine del regime di Bashar al-Assad arrivano anche nel centro della capitale siriana, Damasco, fino a oggi rimasto calmo, al contrario delle periferie. «Circa duecento persone, in maggioranza donne e giovani, hanno manifestato dalla tarda serata di ieri fino alle prime ore di oggi nel cuore della città, tra piazza Tahrir e via Baghdad – ha riferito Nur Ugli, attivista siriana, ad AKI-ADNKRONOS INTERNATIONAL – I manifestanti hanno attraversato pacificamente la città con in mano una candela bianca, in segno di solidarietà con le vittime di Hama e chiedendo la caduta del regime». Secondo alcuni testimoni, circa venti manifestanti sono stati arrestati. «Speriamo nella mobilitazione del centro città di Damasco, che è la sede dei poteri economici e politici del regime di Assad – ha detto l’attivista Maher M. – Per ora non ci sono altre iniziative in programma, ma facciamo appello ai residenti di questi quartieri di Damasco. perchè scendano in modo pacifico per le strade». Intanto, in queste ore, varie manifestazioni sono in corso a Banias, Deir ez-Zor e Aleppo per chiedere la fine dell’assedio alla città di Hama. Violenze sarebbero in corso nella città settentrionale di Idlib, al confine con la Turchia. Secondo le testimonianze raccolte da AKI, tre civili sono rimasti feriti a causa dei colpi sparati dalle forze di sciurezza nel quartiere Hara Shmaliyye. E a Lattakia, città costiera del nord, alcuni testimoni hanno riferito che le forze di sicurezza hanno evacuato la sede dell’ordine degli ingenieri e arrestato molte persone.

Commenti disabilitati su SIRIA: PROTESTA ARRIVA NEL CENTRO DI DAMASCO, 20 ARRESTI

Tags: , , , , , ,

FISCO: TENTANO CONDIZIONARE CONTROLLI, 7 INDAGATI CORRUZIONE SONO COMMERCIALISTI, FUNZIONARI AGENZIA ENTRATE E ISPETTORE GDF

Posted on 17 giugno 2011 by redazione

Avrebbero tentato di condizionare l’esito di accertamenti tributari nei confronti di quattro ditte sottoposte a verifica fiscale: è l’accusa per la quale sono finiti sotto inchiesta quattro commercialisti, due funzionari dell’Agenzia delle entrate di Firenze e un ispettore della guardia di finanza. Lo rendono noto le fiamme gialle del capoluogo toscano che hanno condotto le indagini, giunte ora a conclusione: la procura, si spiega in una nota, ha chiesto il rinvio a giudizio. I reati contestati sono corruzione, rivelazione del segreto d’ufficio, abuso d’ufficio e millantato credito. I fatti risalirebbero al periodo aprile-settembre 2009. Le indagini sono scattate quando, durante un controllo fiscale a un carrozziere da parte di una pattuglia della gdf, sarebbe emerso che quest’ultimo avrebbe consegnato al proprio commercialista, di Sesto Fiorentino, 5.500 euro da ‘girarè ai verificatori, al fine di accelerare ed alleggerire l’esito degli accertamenti. In realtà il professionista, dopo aver rassicurato il cliente sul buon esito dei suoi contatti, inesistenti, con i militari, si sarebbe rivolto a un maresciallo delle fiamme gialle suo amico ed estraneo ai controlli in corso, affinchè prendesse informazioni sull’andamento della verifica e facesse il possibile perchè alcune irregolarità non venissero rilevate come conseguenza di un suo errore. Per questo ‘favorè il commercialista, con il concorso di un altro collega, avrebbe regalato al militare 1.500 euro. Tutto questo, spiega la gdf, non è servito a nulla: la verifica fiscale è andata avanti regolarmente e si è conclusa con un verbale di 400.000 euro di redditi imponibili e recuperi, per Iva dovuta e non versata, per oltre 115.000 euro a carico della ditta ispezionata. L’inchiesta poi «si è allargata via via – spiega la gdf – su una serie di pressioni e sollecitazioni poste in essere da un gruppo di professionisti che si adoperavano in favore di loro clienti per ‘ammorbidirè controlli fiscali». In particolare sono emersi i rapporti intrattenuti tra altri due commercialisti e un funzionario della direzione provinciale dell’Agenzia delle entrate di Firenze finalizzati ad acquisire informazioni riguardo le verifiche e gli accertamenti fiscali in corso e per alleggerirne l’esito finale. In particolare, ciò è avvenuto per un controllo nei confronti di un ottico e di un commerciante all’ingrosso di preziosi. Lo stesso funzionario dell’Agenzia delle entrate, inoltre, tramite una collega, avrebbe accettato buoni di benzina per l’interessamento in favore di un rivenditore di prodotti petroliferi, sottoposto ad accertamento tributario.

Commenti disabilitati su FISCO: TENTANO CONDIZIONARE CONTROLLI, 7 INDAGATI CORRUZIONE SONO COMMERCIALISTI, FUNZIONARI AGENZIA ENTRATE E ISPETTORE GDF

Tags: , , , , , , ,

CALCIOSCOMMESSE – LEGA A NON CI STA:DANNEGGIATI DA ‘SENSAZIONI’ ‘CLUB NON SI SOTTRAGGONO A INDAGINI, PREOCCUPATI PER ILLAZIONI’

Posted on 08 giugno 2011 by redazione

«Il grande calcio di serie A non si sottrae a nessuna indagine, ma non può certo accettare di essere danneggiato sulla base di sensazioni». È quanto si legge in un comunicato della Lega di serie A, all’indomani delle dichiarazioni del procuratore della Repubblica di Cremona, Roberto Di Martino, titolare dell’inchiesta sulle partite truccate, che ha detto di avere «la sensazione che ci siano grossi problemi in serie A, che ci siano incontri truccati, e che in serie A le combine non siano fra i giocatori ma fra le societa». «La Lega di Serie A esprime grande preoccupazione per le supposizioni, le illazioni e i sospetti che vengono fatti gravare sulle proprie società – si legge nel comunicato -. La Lega, certa che le inchieste in corso procederanno con rigore ad accertare le responsabilità e sostenendo la necessità che le sanzioni sportive siano rese le più efficaci ed afflittive possibili, rietiene invece inaccettabile il rincorrersi di sospetti generici e generalizzati che, senza individuare responsabilità specifiche, determinano solo il rischio che il massimo campionato italiano, e le società che lo disputano, sibiscano ingiusto pregiudizio e danni gravi, anche in termini di immagine». I club della massima categoria sottolineano che «il grande calcio di serie A è una realtà importante dal punto di vista sportivo, economico e delle passioni. Non si sottrae a nessuna indagine, ma non può certo accettare di essere danneggiato sulla base di sensazioni».

Commenti disabilitati su CALCIOSCOMMESSE – LEGA A NON CI STA:DANNEGGIATI DA ‘SENSAZIONI’ ‘CLUB NON SI SOTTRAGGONO A INDAGINI, PREOCCUPATI PER ILLAZIONI’

Tags: , , , , ,

TRUFFE: CLONAVANO CARTE CREDITO FACOLTOSI STRANIERI, ARRESTI BASE IN NOTO RISTORANTE ROMANO VICINO A PIAZZA DI SPAGNA

Posted on 31 maggio 2011 by redazione

Un’operazione della polizia è in corso in Calabria per l’esecuzione di sei misure cautelari contro gli appartenenti ad un’organizzazione che utilizzava codici di carte di credito di provenienza illecita. Secondo quanto emerso dalle indagini condotte da personale del Commissariato di Castrovillari, responsabile del vasto traffico è un castrovillarese che con la complicità di alcuni negozianti utilizzava le carte clonate. Una ventina le carte di credito sequestrate, appartenenti a diversi circuiti (American express, Visa, Mastercard, Diners). Non quantificabile, invece, l’esatto importo del traffico. L’inchiesta è durata quasi un anno nel corso del quale gli inquirenti hanno potuto capire la modalità organizzativa degli arrestati: un noto ristorante romano situato nei pressi di Piazza di Spagna era utilizzato per la colazione delle carte che, distribuite sul territorio venivano, impiegate fraudolentemente. Gli intestatari erano persone facoltose provenienti da varie parti del mondo (Stati Uniti, Francia, Germania, Australia, Svizzera, Svezia, Giappone).

Commenti disabilitati su TRUFFE: CLONAVANO CARTE CREDITO FACOLTOSI STRANIERI, ARRESTI BASE IN NOTO RISTORANTE ROMANO VICINO A PIAZZA DI SPAGNA

Advertise Here
Advertise Here

RELATED SITES

antivirus gratis