NUCLEARE: DE ANGELIS (PD), AL PARLAMENTO EUROPEO VINCE IL PRINCIPIO ‘CHI INQUINA PAGA’

Posted on 23 giugno 2011 by redazione

“Il voto di oggi del Parlamento europeo sul rapporto Cizelj relativo alla gestione delle scorie nucleari è importante per almeno tre ordini di ragioni”. A dichiararlo è Francesco De Angelis, deputato europeo del Pd e membro della Commissione Industria, Ricerca ed Energia.

“Innanzitutto – spiega De Angelis – il testo ha il merito di armonizzare le disposizioni in materia di stoccaggio delle scorie nucleari: non più 27 disposizioni nazionali, quindi, ma una disciplina europea monitorata in accordo con i regolatori nazionali degli Stati membri produttori di energia nucleare, quindi più sicurezza e garanzie per i lavoratori del settore e per i cittadini . Inoltre l’assemblea ha approvato due emendamenti chiave presentati dal Gruppo Socialista e Democratico. Il primo stabilisce che i Paesi produttori di energia di origine nucleare non potranno in alcun caso esportare i fusti di scorie nucleari in Paesi terzi, spesso del Terzo Mondo e con ripercussioni drammatiche sui territori e le popolazioni locali. Il secondo emendamento ci dà lo slancio invece per affrontare le future battaglie contro il nucleare, in quanto avanza la richiesta che in fatto di energia di origine nucleare il Parlamento sia a pieno titolo co-decisore assieme al Consiglio”.

“Con il voto di oggi, quindi, – aggiunge il deputato europeo – vince il principio secondo cui ‘chi inquina paga’, perché i Paesi nuclearisti non potranno più stoccare i fusti in remoti Paesi del Terzo mondo, ma dovranno studiare costose soluzioni domestiche. Se a ciò aggiungiamo che il Parlamento ha chiaramente espresso la volontà di co-legiferare in fatto di energia di origine nucleare mi sembra che le condizioni in un prossimo futuro per affrontare il tema nucleare nella sua dimensione europea ci siano ormai tutte”. “Chiudere per sempre con il nucleare, non solo in Italia ma in tutta Europa – conclude De Angelis – è il modo migliore per puntare su innovazione, sicurezza, e per competere a pieno titolo con gli USA e l’est Asiatico in fatto di economia verde”.

Comments are closed.

Advertise Here
Advertise Here

RELATED SITES

antivirus gratis