INFLAZIONE – CONFESERCENTI: PESANO TARIFFE E CARBURANTI, CONSUMI DESOLANTI

Posted on 04 gennaio 2013 by redazione

dreamstime_s_20029006Le tariffe e l’andamento di energia e carburanti sono «i responsabili evidenti» che hanno causato il record dell’inflazione annua registrata nel 2012. «Desolante», invece, resta la situazione dei consumi: a dicembre «la frenata si vede e appare allarmante». Confesercenti commenta così, in una nota, i dati Istat relativi al tasso medio di inflazione annua nel 2012. «Nel corso dell’anno – spiega la nota – si è assistito a un ridimensionamento della crescita dell’indice generale dei prezzi. Dal +3,3% dei primi mesi dell’anno (febbraio, marzo e aprile) si è arrivati al 2,4% di dicembre». Quanto al 2013, «ci si aspetta che continui la diminuzione dell’inflazione, arrivando a un dato medio annuo dell’1,7%», sostiene Confesercenti. «A rientrare dovrebbe essere proprio la componente energetica, che dovrebbe tornare a incrementi a una cifra». Il ridimensionamento dell’inflazione, spiega la nota, dipende «da diversi fattori tra cui la forte contrazione di domanda da parte dei consumatori: nel 2012 si assiste infatti a una a caduta dei consumi di intensità maggiore rispetto alla caduta del Pil». Se tra il 2007 e il 2011 le famiglie, prosegue la nota, «hanno ridotto la loro propensione al risparmio per mantenere determinati livelli di consumo, nel 2012 arriva la consapevolezza di una crisi che non sembra essere congiunturale e quindi si interviene tagliando i consumi. Davanti a un futuro incerto si torna a salvaguardare il risparmio».

Comments are closed.

Advertise Here
Advertise Here

RELATED SITES

antivirus gratis