Categorized | Sport

F1 – HEMBERY: I TEAM CAPIRANNO PIÙ IN FRETTA LE GOMME PIRELLI

Posted on 05 marzo 2013 by redazione

hembery paul«Quest’anno sarà più facile capire le gomme». I team di Formula 1 impiegheranno meno tempo, rispetto allo scorso anno, per capire i ‘segretì degli pneumatici nel Mondiale che si apre tra 10 giorni in Australia. A meno di 2 settimane dall’appuntamento di Melbourne, tocca a Paul Hembery, direttore Motorsport Pirelli, fare il punto della situazione. «Le monoposto partono da una base molto simile rispetto a quella del 2012. I team gestiranno molto meglio le questioni relative all’assetto per ottenere il massimo dagli pneumatici. Sono sicuro che quest’anno le squadre riusciranno rapidamente a comprendere come sfruttare il pacchetto macchina-gomme per fornire le prestazioni migliori», dice in un’intervista all’agenzia Dpa. Nel 2013, le scuderie hanno a disposizione 6 mescole, 4 per l’asciutto e 2 per il bagnato. Per avere un quadro completamente delineato, dice Hembery, sarà necessario attendere «7-8 gare. A quel punto, i team avranno girato su circuiti differenti fino ad arrivare a Monaco, che è un tracciato cittadino». Sarà difficile assistere ad un avvio di stagione ‘democraticò come quello del 2012, con 7 vincitori diversi nei primi 7 Gp. Non ci sono state rivoluzioni tecniche rispetto allo scorso anno e i big dovrebbero avere gli strumenti per imporsi sulla concorrenza. «Abbiamo introdotto alcune modifiche -dice Hembery- ma cercheremo anche di rendere più semplice la ricerca dell’assetto ideale per i team».

A chi, nel 2012, ha acceso i riflettori sul rapido deterioramento delle coperture, il numero 1 di Pirelli Motorsport fa notare che «da un punto di vista tecnico, la sfida era la stessa per tutti». In vista della stagione che si apre tra 10 giorni a Melbourne, la casa italiana ha lavorato per rendere ancor più emozionante lo show. «Noi facciamo la nostra parte, ma ovviamente spetta soprattutto alle squadre lavorare per essere competitive. Noi puntiamo a offrire tutto ciò che ci è stato chiesto con l’obiettivo di rendere questo sport ancor più affascinante». Il contratto di fornitura triennale scade quest’anno. «Vorremmo restare, a patto che l’operazione abbia senso a livello commerciale per Pirelli. Si sta discutendo, speriamo di avere una risposta il più presto possibile», dice. L’appeal della Formula 1 è innegabile: «Ci sono pochissimi sport davvero globalei. Molti tendono a svilupparsi in ambito locale, altri hanno competizioni mondiali che non si svolgono tutti gli anni. Con la Formula 1 si arriva in ogni angolo del pianeta. Pirelli sta sviluppando il proprio business in Asia e punta a crescere negli Stati Uniti e in Russia».

Comments are closed.

Advertise Here
Advertise Here

RELATED SITES

antivirus gratis